Vita d’acqua dolce: la Salaria Fluviatilis

DSC_5478Una delle domande che spesso un subacqueo d’acqua dolce si sente porre è “ma cosa vai a vedere nel lago?”, alzi la mano colui al quale non è mai capitato. Per tentare quindi di dare qualche risposta all’annoso quesito ho deciso di tenere una piccola rubrica – Vita d’acqua dolce – dove presentare periodicamente alcune delle creature che popolano i nostri laghi e fiumi.

Perchè si, nelle fredde, buie e scure acque del lago c’è anche vita e per inaugurare la serie parlerò di un pesciolino curioso e simpatico che ha catturato la mia attenzione con la sua frenesia: la Salaria Fluviatilis, conosciuta comunemente come Cagnetta ed appartenente alla famiglia dei Blenniidae.

È una specie diffusa nelle acque dolci dei laghi e dei fiumi ed è presente in Europa, medio Oriente e in Africa Settentrionale. Solitamente vive e predilige i fondali rocciosi ma può all’occorrenza trovarsi anche su fondali fangosi. La caratteristica essenziale in ogni caso è che nell’ambiente circostante vi siano nascondigli come anfratti rocciosi, pietre o fondali molli in cui può scavare una tana.

DSC_5478Il corpo della Cagnetta è allungato e privo di squame, e ricorda molto da vicino le sue parenti marine, le Bavose. Il colore è brunastro tendente al verde, con macchie scure sul dorso che possono anche sembrare delle striscie verticali. Il ventre tende invece al giallastro. Le dimensioni non superano i 15 cm, anche se normalmente si assestano intorno agli 8 cm. Personalmente ne ho avvistate anche di più piccole, sui 4-5 cm.

Nelle occasioni in cui ho avuto modo di approcciarmi a questo pesce l’ho sempre scovato su fondali sassosi e prevalentemente nei primi 2 o 3 metri di acqua, dove trovare i nascondigli che predilige è molto facile. È un pesce che io definisco “frenetico”: non sta mai fermo per più di qualche secondo e scatta continuamente di roccia in roccia, specialmente quando si tenta di avvicinarlo per poterlo osservare meglio (o, come nel mio caso, per scattargli qualche fotografia). È infatti molto timido e si nasconde non appena avverte il minimo disturbo. È una specie territoriale e vive fino a circa 5 anni, anche se la maggior parte delle femmine muore dopo la prima stagione riproduttiva.

DSC_5478La riproduzione avviene da maggio a luglio: la femmina depone le uova sotto una roccia ed il maschio, dopo la fecondazione, fa la guardia al nido, pulisce ed ossigena le uova. Le uova si schiudono in circa una settimana e possono venire deposte diverse volte durante la stagione.

Ho potuto osservare la Salaria Fluviatilis in varie occasioni durante le mie escursioni lacustri, così un giorno ho deciso di spendere un’immersione per fare qualche scatto ad una nutrita colonia di “Cagnette” che vivono in un sito vicino a casa mia. Siccome le trovo molto simpatiche ed osservarle è anche un modo diverso di fare immersione, è molto probabile che presto decida continuare il mio servizio fotografico su di loro! 🙂

Referenze: Salaria Fluviatilis su Wikipedia.

Stella

Co-Founder of TUE. Underwater photographer & diving instructor. Food & wine lover. Amateur runner. Passionate snowboarder. Traveller.

I commenti sono chiusi